consulenza

Consulenza

progetti editoriali

Progetti Editoriali

corsi

Corsi in programma

cresibilità

Cresibilità e Dintorni

progetti

Progetti per le Scuole

riconoscimenti

Premi e Iniziative

approfondimento

Punti di vista

spunti sportivi

Spunti Sportivi

CPSPescara invisibiliingranaggiQuando trattiamo di prestazioni immaginiamo spesso comportamenti tangibili i cui protagonisti sono dei corpi in movimento. Se invece parliamo di apprendimento motorio la nostra immaginazione vacilla, perché quello che ci sforziamo di rappresentare è un processo invisibile.
I tecnici sono oggi consapevoli che la qualità della prestazione è l’effetto di un’integrazione continua di molteplici aspetti, compresi i processi mentali e relazionali. Una persona fisicamente e tecnicamente “talentuosa” può essere carente sotto il profilo mentale. E questa non è certo una novità!
 Volendo fare una veloce carrellata dei costrutti più chiacchierati, anche solo a titolo esemplificativo, possiamo considerare che se si tratta di capacità fisiche di base, spesso si finisce per parlare di forza, resistenza, velocità oppure di scioltezza. Mentre se si valutano gli aspetti tecnici, il discorso scivola, a volte, sull’equilibrio, sulla fluidità dei movimenti, sull’orientamento o sui tempi di reazione. Infine, se ci si addentra nei processi mentali, la motivazione, la concentrazione, la resilienza o la regolazione delle emozioni schizzano subito ai primi posti.
Ma come fare per condurre l’atleta o la squadra verso l’espressione simultanea di tanti aspetti?
Premesso che l’atleta si esprime al meglio in un ambiente nel quale viene informato, coinvolto e considerato, sintetizziamo qualche passaggio utile da tenere d’occhio e vediamo come affinare la qualità di un allenamento-tipo.

Bug CPSPescaraLa motivazione allo sport è la base del comportamento dell’atleta, ma prima di chiarirne le caratteristiche vorrei fare una breve premessa. Per cominciare, essa rappresenta un’interazione dinamica tra stimoli diversi, derivanti sia da bisogni personali che da sollecitazioni esterne. Riflettendoci un attimo, trattandosi di un’attività a cui si accede per libera scelta (e così dovrebbe essere!!), lo sport risulta espressione di un comportamento improntato sull’autodeterminazione e l’atto volitivo da cui scaturisce implica una scelta, una decisione ed un’attuazione.
Mi sembra che fin qui sia un ragionamento piuttosto semplice ... la questione purtroppo si complica quando entrano in ballo i luoghi comuni, i fraseggi abusati che li connotano (“è un atleta di carattere”, “bisogna essere cattivi”, “mi prendo tutte le mie colpe”) e le emozioni che, unitamente ai motivi, sostengono il nostro impulso ad agire.
A riguardo, un dato di fatto, riconosciuto ormai per la sua evidenza, è che motivazione ed emozione riportano al concetto di movimento: la prima implica l’oggetto per cui viene adottato un certo comportamento, mentre la seconda consente l’osservazione di come quest'ultimo viene agito, anche e soprattutto sulla base del grado di autoefficacia della persona in gioco.
Questa è la premessa di cui dicevo, ma adesso vorrei stringere l’obiettivo sul piano applicativo per vedere cosa succede dal vero.
Sia il bisogno di movimento che quello di affermazione fanno da basamento alla crescita dell’atleta; gli altri aspetti, che emergono gradatamene, si aggiungono strada facendo. Ma forse è il caso di ricordare qual è l’origine di questi aspetti. Gioco e competizione sono le due sorgenti principali a cui l’atleta può attingere sentendo il bisogno stringente di alimentare il proprio impegno. Impegno che diventa necessario per tradurre in pratica le strategie messe a punto in vista degli obiettivi prefissi e condivisi nel quotidiano. Tutto questo accade con estrema regolarità, mentre in parallelo l’allenatore-tipo si preoccupa di come intervenire e rimediare ai cali di motivazione, effettivi o potenziali che siano.

CPSPescara felicita gioiaTrovo che sia bello (ed utile) sia leggere che scrivere. Ma lo è anche ascoltare, esprimersi, confrontarsi sulle proprie esperienze; sono modi diversi di crescere. Opportunità di redimersi. Ed è per questo che quando saltano fuori argomenti di conversazione che ho a cuore, tralascio l’impulso di raggiungere un parere unanime. Di solito, per riuscirci mi tocca tenere a bada l’opinione che maturo giorno per giorno, lavorando sui molteplici aspetti che compongono lo sport. Non sempre è facile, ma pare che ci riesca. Alcune volte, le questioni sono annose, altre di attualità, ma non è questo che fa la differenza. A farla è la sorpresa d’individuare di frequente l’atteggiamento di chi fa leva su di sé e sui propri interessi con la presunzione di sapere a priori cos’è giusto e cos’è bene per gli altri. Molti altri. Direi troppi.
E questo senza la sensibilità di arrivare a capire che coinvolgere attivamente chi partecipa a qualcosa, qualsiasi cosa, è il solo modo d’investire su una felicità condivisa. Emozione, quest’ultima, che col tempo può assumere i contorni della gioia.
E chi non sa quanto può essere potente, la gioia!
Questa volta la questione è annosa ed attuale allo stesso tempo. Alludo allo yoga ed ai relativi articoli che, per l’appunto, hanno raccontato la tendenza in voga dell’estate in corso.
Molto semplicemente: credere nel valore di una pratica millenaria, che a giugno ha celebrato la terza giornata internazionale promossa dall’ONU, non può e non deve coincidere con il business che sostiene.

sacco pieno sacco vuotoQuesta mattina ero in fila alle Poste, vicina a due signori che, parlando di sport, ingannavano il tempo e forse loro stessi.
In effetti parlavano di calcio, che poi è sport, e cercavano di convincersi a vicenda su questioni di vita o di morte, di vittorie o di sconfitte, tanto che, sul finire, uno dei due ha dato un taglio netto alla complessità che sembrava profilarsi. "Non ci sono più calciatori e squadre di carattere". È stata questa la conclusione laconica a cui sono approdati entrambi, complice anche lo scorrere inarrestabile del tempo che consumava le rispettive attese.
Io sono rimasta in silenzio, come era ovvio che facessi; ma era così propensa ad ascoltare, che è stato istintivo per me rubare quel pezzo di conversazione, salvo poi rifletterci in seconda battuta e in piena autonomia.
Lo farò qui, in breve, senza pretese, solo per il gusto di chiarire questioni che contagiano chiunque inducendo (molti) a conclusioni raffazzonate.
Nello sport, ci sono risvolti che hanno una valenza trasversale, e che interessano qualsiasi atleta. Questo perché lo sport è fatto di persone, e se queste corrono, nuotano o combattono, per certi versi non cambia nulla.
Carattere è un termine che rischia di confondere. È una delle nozioni più antiche, spesso ancora oggi viene usata come sinonimo di personalità, ma generalmente si distingue per una connotazione morale; è stata usata infatti per riferirsi alle tendenze comportamentali che fanno sì che una persona, al di là degli ostacoli, agisca secondo coerenza rispetto a determinati costumi o valori.
Quindi il concetto di carattere è davvero vicino a quello di personalità, anche se tende ad accentuare gli aspetti di valore e conformità rispetto agli standard sociali (quando ad esempio si dice di avere un carattere forte o un carattere debole).