fatticamminarelatesta2edizione

Venerdì 17 aprile 2015, presso l’Aula Magna del Liceo “G. Marconi” di Pescara, erano circa un centinaio ed aspettavano di conoscere i partecipanti alla 2° edizione del Concorso “Fatti Camminare La Testa!”. Non sapevano cosa era stato realizzato ed erano curiosi di capire perché alcuni di loro (Vakhtangishvili LUCAS, La Mantia LORENZO, Ciarallo LORENZA, Esposito Alaia LORENZA, De Santis ROSSELLA, Di Clemente MICHAELA e l'intera 2A) avevano trovato la motivazione necessaria a farsi camminare la testa per rispettare la traccia del Concorso.

 

Si trattava di raccontare il prima e il dopo di un’esperienza vissuta tra mente e corpo, e di prendere spunto dal semestre trascorso all'insegna del Progetto “ ...e vissero felici e contenti...di muoversi!”.

A partire dalle 09.00, gli studenti partecipanti al Concorso, svelando gli elaborati in gara, hanno ottenuto il rispetto e l’attenzione di tutti coloro che hanno ascoltato con entusiasmo. Creativi, originali e coinvolgenti nell'interpretare lo sport da diverse prospettive, i lavori hanno suscitato meraviglia ed ammirazione.

A premiare la parte grafica è stata Chiara "Karicola" Colagrande - disegnatrice, inchiostratrice, illustratrice e caricaturista -, attratta dall'impegno e dall'armonia dei lavori. E poi applausi e complimenti da parte di tutti per la volontà e l’intraprendenza dei ragazzi nel raccontare in tempo reale i vissuti personali.

In premio il romanzo sportivo, "Stop & Go" e le Monete commemorative di "G. Marconi", offerte dalla Numismatica Castaldi di Pescara, sponsor dell’iniziativa.

Uno spazio a sé, è stato quello dei ringraziamenti diretti ai Docenti di Scienze Motorie, Fabrizia Duranti, Sabrina Bonnici e Tiziana Carducci, che hanno collaborato per coinvolgere fattivamente le rispettive classi (2F Liceo Linguistico, 2A Liceo Scienze Umane, 1E Liceo Linguistico).

La chiusura è stata di Margherita Sassi - ideatrice e responsabile dell'intera attività -, che ha tenuto a sottolineare il piacere di essersi integrata nell’ambiente scolastico, sperimentando un prima e un dopo dal quale potrà attingere per il futuro.

L’augurio per tutti permane quello di proseguire nella direzione tracciata.