consulenza

Consulenze

 

progetti editoriali

Letture sportive

corsi

Corsi

 

cresibilità

Cresibilità®️

progetti

Progetti scuola e sport

 

riconoscimenti

Premi ed eventi

approfondimento

"Punti di vista"
La rubrica del mese

spunti sportivi

"Spunti sportivi"

rita levi montalcini

Al netto delle intramontabili novità del momento, il 2020 ce l’ha fatta. Le difficoltà ci sono, si trasformano, e le stiamo affrontando tutti assieme, sportivi e non sportivi.
A questo punto potrei raccontare della mia recente conversione a Netflix. Non tanto per la cosa in sé, quanto perché The last dance e La regina degli scacchi, con cui ho inaugurato l’abbonamento, sono stati il meglio che potessi selezionare per partire. Ma recensirli entrambi sarebbe un affare troppo complesso per una parentesi di festa come quella che si sta aprendo. Quindi, entusiasta di aver letto che il 21/mo Congresso dell'European College of Sport Science si svolgerà a Rimini, dal 3 al 5 luglio 2024, ho deciso che per questo dicembre 2020 mi limiterò a condensare il mio pensiero in un solo semplice suggerimento.

* * *

Direttamente dal Centro di Psicologia dello Sport di Pescara, propongo un dolce da gustare durante le prossime festività natalizie.

Ingredienti per 4/6 persone (anche perché, pur volendo, tanti possiamo essere! 😜)

Per la base:
650 g di accettazione
350 g di tolleranza
250 g di grinta
1 cucchiaio di onestà
10 g di organizzazione

Per il ripieno:
55 g di divertimento
100 ml di serenità
35 g di speranza
35 g di creatività
25 g di sensibilità

Preparazione:

Lavare e lessare la tensione finché si ammorbidisce. Appena si arriva all’accettazione, distribuirla su un piano perché favorisca la tolleranza. Una volta fredda, aggiungere la grinta, il cucchiaio di onestà e organizzare il tutto fino a ottenere un amalgama rassicurante. Dividere il composto in due parti e stendere con il mattarello fino a ottenere lo spazio per il divertimento. Scolare il mezzo bicchiere di serenità su tutta la superficie e coprirla con la speranza. Tagliare il dolce nella forma desiderata e verificare che le dosi di creatività siano in linea con le proprie necessità. Cuocere in forno alla temperatura che volete, tenendo conto della sensibilità. Servire con uno spumante dolce. Per quest’anno, lascerei perdere il brut ... . Poi, fate voi. 😉

Valori nutrizionali: è la dose che fa il veleno (Cit. Paracelso).
Difficoltà di procedimento: a seconda.
Tempo di preparazione: da stabilire.

Il segreto per rendere il dolce il più buono che abbiate mai cucinato: credere che lo sia! 😅

 

Auguri di Buone Feste 🎄✨
il CPSPescara

Post scriptum. La butto là. Ma se fosse un Canestro di pasta di mandorle con dei fili di arance candite ricoperte di cioccolato fondente??? … magari con del buon rum.