consulenza

Consulenze

 

progetti editoriali

Letture sportive

corsi

Corsi

 

cresibilità

Cresibilità®️

progetti

Progetti scuola e sport

 

riconoscimenti

Premi ed eventi

approfondimento

"Punti di vista"
La rubrica del mese

spunti sportivi

"Spunti sportivi"

PPC-12

Ammettiamo un principio: qualsiasi disciplina sportiva prevede la tutela indiscussa dei bambini e degli adolescenti (e ovviamente della popolazione in generale), il loro benessere psicofisico deve essere condiviso da chiunque si affacci alla loro crescita offrendo un contributo di qualsivoglia matrice.
Comunemente, purtroppo, nei fatti, questo accade di rado; i genitori opprimenti, gli allenatori ambiziosi e i dirigenti egocentrici ostacolano, di frequente, la crescita dello sportivo e la complicano.
Negli anni passati, la National Association for Sport and Physical Education (NASPE), tramite la Youth Sport Task Force, stando all’importanza dell’evoluzione degli atleti, ha varato una Carta dei diritti che genitori, allenatori, psicologi e medici poi hanno condiviso.
Martens e Seefeldt, seguendo il medesimo filone, negli stessi anni, hanno concepito una lista di diritti riservata ai giovani, nell’elenco compare quanto segue:
1. diritto di fare sport;
2. diritto di gareggiare a livelli adeguati al proprio grado di maturità e d’abilità;
3. diritto di essere allenati da adulti qualificati;
4. diritto di giocare come ragazzi e non come adulti;

🔵  L'articolo integrale (pubblicato su Passione Ciclismo - Dicembre 2007) è scaricabile gratuitamente cliccando 👉 qui.

Per info sulle attività da svolgere con i genitori nell'ambiente sportivo contattaci scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.