consulenza

Consulenze

 

progetti editoriali

Letture sportive

corsi

Corsi

 

cresibilità

Cresibilità®️

progetti

Progetti scuola e sport

 

riconoscimenti

Premi ed eventi

approfondimento

"Punti di vista"
La rubrica del mese

spunti sportivi

"Spunti sportivi"

PPC-15

Se penso allo sci alpino la prima immagine che mi viene in mente è quella di mio nonno.
Sì, perché da piccola è stato lui uno dei primi a parlarmi di sci; mi raccontava che quando era un bambino e viveva a Cludinico (una frazione del comune di Ovaro, nella provincia di Udine) quando nevicava, per spostarsi da casa era costretto, come tutti, ad usare gli sci.
Era l’unica soluzione per accedere alle strade principali, attraverso le quali avrebbe poi raggiunto i paesi vicini al suo.
Successivamente, mia madre mi raccontò anche che mio nonno, oltre ad aver gareggiato per un brevissimo periodo, continuò a sciare fino all’età di 50 anni e che, quasi tutte le domeniche, trovava tempo per un salto in montagna, con o senza famiglia a seguito.
Il profilo è quello di un uomo che, se fosse ancora vivo, avrebbe ora 103 anni, eppure lo trovo estremamente moderno se ripenso la definizione che riporta il testo edito nel 2009 da De Agostini, “Sport. Il libro completo”.
Se lo aprite alla sezione Sport Invernali e andate a consultare il capitolo relativo allo sci alpino, troverete scritto che si tratta di “uno sport spettacolare fatto di velocità e capacità” e che “milioni di sciatori amatoriali godono di questa emozione, ma pochi competono in gare organizzate” (pag. 202).
Forse, in casi come questo, il problema legato alla sproporzione tra amatoriali ed agonisti risiede, soprattutto, nella lontananza della maggior parte della città italiane dalle montagne e, quindi, dalle strutture preposte ad una pratica regolare, che possa preparare adeguatamente l’agonista.

🔵  L'articolo integrale (pubblicato su Absolutesport Magazine, edito da Nautilus, Anno 2 - Numero 5 - Ottobre/Novembre 2010) è scaricabile gratuitamente cliccando 👉 qui.

Per info su progetti da realizzare in favore di corretti stili di vita contattaci scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.